E’ trionfo Lega, primo partito in consiglio VdA: Pd estinto

Condividi!

Un vero e proprio exploit quello della Lega in Valle d’Aosta, che con il 17% conquista 7 seggi su 35 ed entra in Consiglio regionale dopo 20 anni di assenza. Il Pd, fino ad ora in maggioranza, si ferma al 5,4% e rimane fuori dall’assemblea non avendo raggiunto la soglia di sbarramento. E’ quello che dovrà accadere a livello nazionale: si devono estinguere perché gli italiani si salvino dall’estinzione.

VERIFICA LA NOTIZIA

Stessa sorte per il Centro destra (Forza Italia e Fratelli d’Italia). L’Union Valdotaine (7 seggi) rimane la prima forza con il 19%, in forte arretramento dal 2013 quando aveva ottenuto il 33,4%. Il Movimento 5 stelle ottiene 4 seggi con il 10,44%. Altri risultati: Stella Alpina-Pnv 10,6% (4 seggi), Impegno civico 7,5% (3), Uvp 10,5% (4), Alpe 9% (3), Mouv 7,1 (3).

La capolista della Lega Nicoletta Spelgatti ribadisce il ‘no’ senza se e senza ma, “ad un’alleanza con l’Union. Avvieremo – conferma – un dialogo proficuo con il Movimento 5s che riteniamo un interlocutore alleato molto importante”.

In questa consultazione elettorale le ‘sorprese’ non finiscono. Sorprese preventivate, ma non scontate. CasaPound siederà, per la prima volta, nel Consiglio comunale di Aosta. Gentile e gradito omaggio della Lega che, con l’ingresso in Consiglio regionale, ha lasciato il posto libero.

Lorenzo Aiello sarà l’unico consigliere comunale. “Stop al degrado crescente della città. Politiche abitative e un occhio vigile sul fenomeno immigrazione, clandestini, in particolare” Sono i punti su cui il neo consigliere comunale farà sentire la sua voce.

“Festeggeremo stasera – anticipa -. L’ingresso nell’aula del Consiglio cittadino premia il nostro impegno profuso alle comunali del 2015. Un impegno riconosciuto in maniera bypartisan”. Sottolinea: “Siamo un gruppo di giovani entusiasti. Ma anche gli over cinquanta sono i veri, grandi gregari che ci sostengono e collaborano”, conclude Lorenzo Aiello.




Lascia un commento