Indiano stupra figlia: ‘Da noi è normale’

Condividi!

Un operaio indiano ha stuprato per sei mesi la figlia di 13 anni, facendole credere che “un rapporto sessuale fra padre e figlia avviene normalmente in tutte le famiglie”.
L’uomo, di 37 anni, vive nel villaggio di Pataudi insieme alla seconda moglie e quattro figli. Il più grande dei quali è la bambina avuta con la prima consorte. E’ accaduto a Gurugram, vicino a New Delhi.

L’ispettore di polizia Poonam Singh ha dichiarato al riguardo che “il genitore è stato arrestato ed interrogato a fondo sulla vicenda. Non appare rammaricato o con senso di colpa. Si è comportato normalmente e quello che è scioccante è come abbia manipolato la figlia per farle credere che l’abuso sessuale è abituale in ogni famiglia”. Forse perché in quelle zone lo è.

VERIFICA LA NOTIZIA

Durante l’interrogatorio è emerso che la violenza sessuale avveniva regolarmente da sei mesi e che il padre aveva seriamente minacciato la figlia serie conseguenze se avesse raccontato ciò che avveniva fra loro.

Il commissario Singh ha aggiunto che la bambina si era lamentata per quanto era costretta a subire con la matrigna, di professione domestica, che però non l’aveva creduta. Ma vista l’insistenza della piccola, la donna ha deciso venerdì di rientrare a sorpresa a casa prima del previsto ed ha scoperto il marito mentre realizzava l’ennesimo abuso.




Lascia un commento