Holly aggredita dai bulli digitali perché non festeggia matrimonio reale

Condividi!

Nel totalitarismo politicamente corretto è vietato avere opinioni che non sono gradite a chi si sente custode di ciò che è giusto e sbagliato. Accade così che una ragazzina venga perseguitata, arrivando addirittura alle minacce, per avere osato esprimere contrarietà al matrimonio che ieri ha estasiato tutti i media di distrazione di massa e quella parte di popolazione con il QI simile a quello di un’ameba in coma.

Sabato 19 maggio, il giorno del matrimonio reale del principe Harry con l’attrice americana Meghan Markle, di razza mista, Holly ha twittato un’opinione che molti condividono, ma che non si possono o non hanno il coraggio di dire, perché assuefatti al totalitarismo politicamente corretto. Holly crede – come noi crediamo – che una persona non-Bianca, non britannica e non cristiana non dovrebbe essere autorizzata a sposarsi nella famiglia reale britannica.

Perché attenzione, già è bizzarra l’idea di una famiglia reale, ma se davvero vuoi imporre l’idea che un trono si erediti come nel medioevo, quindi attraverso una discendenza di sangue, allora non puoi ‘contaminare’ quella linea di sangue. In realtà, tutti sappiamo che questo matrimonio è stato concepito proprio a simboleggiare una famiglia reale più consona alla trasformazione della società britannica. Ovviamente in un ramo laterale, non quello che erediterà il trono…

Ma al di là di questo, ognuno ha diritto a pensare quello che vuole. O avrebbe, questo diretto. Perché Holly è stata letteralmente aggredita da branchi di fanatici. Ma sorpresa: non ha abiurato. E dietro di lei, contro la folla di fanatici guidati da un certo numero di personaggi più o meno famosi, si sono schierate migliaia di persone normali.

I Stand With Holly: Scottish Girl Becomes Unlikely Hero of the Right as She Fends Off Online Bullies

Non tutti hanno mandato il cervello al macero.




Lascia un commento