Verona, rettore cede a lobby gay: riprogrammato incontro profughi-gay

Condividi!

Verrà riprogrammata in altra data la giornata di studio sulle migrazioni Lgbti++++++ dei richiedenti asilo, prevista il 25 maggio all’Università di Verona e sospesa ieri. Lo ha ribadito oggi il rettore dell’Ateneo, Nicola Sartor, incontrando con il prorettore Antonio Lupo il Segretario Nazionale Arcigay Gabriele Piazzoni e Laura Pesce, presidente Arcigay Verona, in rappresentanza dei manifestanti che hanno protestato per la decisione comunicata ieri sera.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il rettore – informa una nota dell’Università di Verona – ha ribadito le ragioni della sospensione della giornata di studio, motivata dal rischio di strumentalizzazione per “ricerca di visibilità per diversi attivisti di varia estrazione”. Contro la decisione avevano avanzato proteste alcuni esponenti politici, tra cui Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista-Sinistra Europea, e Giuseppe Civati (Possibile) che insieme raccolgono lo 0,0 per cento degli elettori.




Lascia un commento