Pm diffamato, condannati al carcere Sallusti e Sgarbi

Condividi!

Il giudice monocratico di Monza Bianchetti ha condannato Vittorio Sgarbi a sei mesi di reclusione per avere diffamato, sul Il Giornale, il magistrato palermitano Nino Di Matteo. A tre mesi, per omesso controllo, è stato condannato il direttore del quotidiano Alessandro Sallusti. Entrambi hanno avuto la sospensione della pena.

L’articolo ritenuto diffamatorio è stato pubblicato nella rubrica Sgarbi Quotidiani il 2 gennaio del 2014.

Nonostante Sallusti e Sgarbi si siano schierati ultimamente contro il governo populista, la libertà di espressione è sacra. E che un magistrato decida su un querelle con ‘vittima’ un altro magistrato è ‘particolare’




Lascia un commento