Milano: islamici tentano di uccidere operai italiani perché lavorano durante Ramadan

Condividi!

Il rumore generato delle opere di ristrutturazione ha scatenato la furia di due marocchini intenti a celebrare il Ramadan.

I due immigrati hanno reagito con violenza cieca aggredendo due giovani operai italiani che stavano svolgendo dei lavori in uno stabile di Cologno, Milano.

È accaduto nella giornata di giovedì 17, e per poco non si è sfiorata la tragedia: i due aggressori si sono scagliati contro i ragazzi armati di una sedia e di un coltello. Uno dei due ha riportato ferite al naso e al braccio, mentre l’altro ha schivato per un pelo una coltellata al torace, che gli ha tranciato la maglietta.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ad aiutare i due operai italiani sorpresi dalla furia improvvisa degli islamici, un ragazzo ucraino che si è coraggiosamente intromesso per aiutare le vittime dell’aggressione. Purtroppo, del ragazzo non si conosce nulla se non l’aspetto: nel documentare le ferite riportate dai ragazzi, gli è infatti stata scattata una foto.

L’appello di Sara – la cugina di una delle vittime – è quello di aiutarli a ritrovarlo, così da poterlo ringraziare: “Il mio ringraziamento va a questo generoso e impavido ragazzo, di cui non conosciamo il nome perché nell’agitazione ci siamo dimenticati di chiederglielo“.

Non tutti gli immigrati sono uguali. Quelli che arrivano da culture simili alle nostre possono vivere tra noi. E in numero limitato possono essere un arricchimento. In numeri limitati per non disperdere le identità e peculiarità che rendono l’Europa un continente ricco da difendere.




Lascia un commento