Islamico sposa una 15enne e la porta ​in Italia: violentata per 5 anni

Condividi!

Si moltiplicano i casi di integrazione nell’emirato islamico del Veneto. A dimostrazione che il prossimo governo a trazione leghista non dovrà concentrarsi solo sui clandestini. Il problema è più profondo.

L’immigrato del Bangladesh R.R.H. di 31 anni ieri è stato rinviato a giudizio dal giudice Cristina Arban per maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale aggravata.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’uomo ha sposato in Bangladesh, con rito islamico, in un matrimonio combinato dalle famiglie, una connazionale di 15 anni. Poi l’ha portata in Italia: a Vicenza prima e Roma poi. Roma è particolarmente infestata di bengalesi.

Una sposa bambina. e infatti il matrimonio non è riconosciuto in Italia. Nel 2013 la ragazza riuscì a fuggire, dopo 5 anni di matrimonio da incubo.

La ragazzina sarebbe stata maltrattata e violentata dal marito, obbligata a rapporti sessuali, costretta a vedere film pornografici per imitare le attrici hard e sarebbe stata picchiata e offesa ripetutamente. R.R.H che ora vive a Ravenna il prossimo 9 novembre dovrà presentarsi in tribunale a Vicenza per rispondere delle accuse.

Rimandarlo in Bangladesh no?




Lascia un commento