Giudice rosso grazia Ong: “Giusto portare migranti in Italia, Malta non li vuole”

Condividi!

Resta dissequestrata la nave dell’Ong spagnola ProActiva Open Arms. Lo ha disposto il Tribunale del Riesame di Ragusa che ha rigettato il ricorso presentato dalla locale Procura contro la decisione del Gip del capoluogo ibleo che il 16 aprile aveva annullato il sequestro:

Lo strano dissequestro della Open Arms: tutti i giudici fanno parte del partito democratico dei magistrati

A rendere la decisione del tribunale ancora più vergognosa di quanto non appaia al primo acchito, le motivazioni.

«La carenza di condizioni di sicurezza – scrivono i giudici del Riesame di Ragusa – e il profilarsi di condizioni di pericolo per i migranti, pur se determinati in gran parte dal comportamento di quest’ultimi», che si tuffavano dalle motovedette libiche che li avevano recuperati in mare, «legittimavano allora il soccorso da parte di Open Arms».

VERIFICA LA NOTIZIA

Il rifiuto del comandante di chiedere un porto sicuro a La Valletta è giustificato dal Tribunale con la «convinzione, fondata o meno che fosse, di non ottenere un assenso da Malta» che, scrivono i giudici, «è fatto notorio».

Quindi la collaborazione tra Malta e le Ong – si riforniscono tutte lì – diventa una scusante per il fatto che le Ong scarichino tutti i clandestini in Italia.

A Malta basta dire ‘no’ e il gioco è fatto.

Ma che razza di giudici abbiamo in Italia? C’è una evidente connivenza tra governi stranieri, organizzazioni governative e pezzi eversivi dello Stato italiano.




Un pensiero su “Giudice rosso grazia Ong: “Giusto portare migranti in Italia, Malta non li vuole””

  1. L’OCCUPAZIONE STARNIERA COADIUVATA DALLE MAFIE ITALICHE HANNO ABBONDANTEMENTE INVASO IL TRIBUNALE DI MILANO E BUSTO ARSIZIO… LE PRESUNTE GIUDICI Elisabetta CANEVINI e Chiara VALORI… e relaTIVI presidenti MANOVRANO SENTENZE AL FINE DI DEVASTARE SACCHEGGIARE IL SOTTOSCRITTO E TUTTO IL MIO NUCLEO AFFETTIVO PER SALVAGUARDARE LA STRAGE DI BAMBINI IN ESSERE CON L’AUSILIO DI LOPPIDI… LE PROVE: http://bit.do/d9uTK

Lascia un commento