Facebook ammette: “Censuriamo chi critica immigrazione”

Condividi!

Aggiornamento – Contattato dal giornale francese Valeurs Actuelles, Facebook ha incolpato un errore di traduzione nella propria versione francese.

Molto più probabilmente, si tratta di un lapsus freudiano.

VERIFICA LA NOTIZIA
Monika Bickert, direttore della politica dei contenuti su Facebook, descrive in dettaglio i mezzi messi in atto dal social network per censurare i contenuti condivisi dai propri utenti.

Tra le altre cose, dice: “Non permettiamo la critica delle politiche di immigrazione e gli argomenti per limitare queste politiche“.

Bene, questa è una evidente violazione dei diritti d’espressione dei cittadini italiani e di altri Paesi. La nostra Costituzione garantisce la libertà di parola. Facebook va regolato.




Lascia un commento