Mohammed, autista di Uber, violenta cliente: “Mi ha obbligato lei”

Condividi!

Un autista di Uber, l’ennesimo, ha violentato una donna sul sedile posteriore della sua auto e si è fatto anche un selfie con la vittima svenuta. E’ stato condannato in Inghilterra a 12 anni.

Sposato, Muhammad Durrani, 38 anni, ha stuprato la 27enne nel sud di Londra durante una corsa.

Durrani, tipico autista di Uber (islamico e immigrato) residente a Streatham, sud di Londra, aveva affermato durante il processo che era stata la donna a provocarlo e a pretendere sesso dopo averlo spogliato.

Nuova chiamata Uber per mister Mohammed Durrani?

Il giudice David Tomlinson ha dichiarato a Durrani: “Ho letto attentamente la dichiarazione della vittima e non sorprende che tu abbia rovinato la sua vita.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Ha influito su tutti gli aspetti sia sociali che professionali – il danno che hai fatto quella notte è incalcolabile.

“La ragazza è stata ferita in modo incommensurabile, sembrava davvero sconvolta da quello che è successo.

“Per lei venire qui e ripensare a quella notte è stata un’esperienza tremendamente dolorosa.

“Si è addormentata nel retro del taxi. A quel punto doveva essere ovvio per te che il tuo cliente era quasi completamente ubriaco.

“Con il pretesto di offrire aiuto sei sceso dal tuo taxi e ti sei avvicinato a lei, quello avrebbe dovuto essere la fine, ma a quel punto avevi perso ogni senso di autocontrollo e l’hai stuprata.”




Lascia un commento