Spacciavano ai minori all’uscita da scuola, centro profughi base spaccio

Condividi!

Usavano la struttura di accoglienza come base per l’attività di spaccio di droga. Ci risiamo. Ancora profughi che spacciano droga. E lo fanno ai minori. Alle ragazzine, come Pamela. 

In questo caso parliamo dei richiedenti asilo ospiti di un hotel gestito da una cooperativa reggiana. I carabinieri di Correggio hanno arrestato un ventenne ghanese per un giro di droga che vede indagati altri quattro africani (un 42enne ghanese, un 20enne, un 26enne e un 24enne nigeriani), accusati a vario titolo di spaccio di sostanze stupefacenti a favore di almeno una quindicina di giovani studenti minorenni.

VERIFICA LA NOTIZIA

Nella camera del ventenne ghanese i militari, nel corso di una perquisizione domiciliare, hanno sequestrato droga, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento.

L’indagine è iniziata nell’ottobre dell’anno scorso, dopo aver trovato una studentessa con dieci grammi di droga all’uscita dalla scuola.

Dall’analisi del tabulato del traffico telefonico del cellulare della ragazza, i carabinieri sono risaliti a varie utenze, risultate in uso agli indagati, che la minore aveva contattato nel tempo per acquistare stupefacenti.

Poi fanno la fine di Pamela. E pensare che i farabutti organizzano questo, così da mettere in contatto domanda e offerta:

Studentesse costrette ad andare a trovare i profughi

E’ geniale mettere in contatto giovani studenti con chi è arrivato sui barconi inviato dalla Mafia Nigeriana.




Lascia un commento