La nave è inglese, i 105 clandestini africani: ma li scaricano a Catania

Condividi!

È giunta stamane alle 8 nel porto di Catania la famigerata nave Aquarius dei trafficanti umanitari Sos Mediterranee e Msf, battente bandiera inglese, con a bordo i 105 clandestini al centro della vicenda dei giorni scorsi:

Clandestini: ancora una volta è l’Italia a mettersi a novanta gradi, e prendersi i clandestini che nessuno vuole

I migranti – informano i trafficanti umanitari di Sos Mediterranee – provengono da nove Paesi, tra cui Bangladesh, Egitto, Eritrea e Sudan. La maggior parte ha affermato di essere in fuga dalla Libia a causa dell’insicurezza del Paese. O meglio: questo glielo hanno imboccato i cazzari di Msf. E poi: chi ha detto loro di andare dal Bangladesh e dall’Egitto in Libia? E perché i libici non fuggono dalla Libia? Tutte domande alle quali i trafficanti non daranno mai risposta.

VERIFICA LA NOTIZIA

I clandestini erano stati prelevati domenica scorsa dal veliero Astral della Ong Proactiva Open Arms (sotto inchiesta per associazione a delinquere), battente bandiera inglese: proprio per questo spettava alla Gran Bretagna indicare il porto dove sbarcarli. Ma alla fine, la guardia costiera italiana li ha fatti trasbordare su nave Acquarius, sempre di bandiera inglese, che poi li ha vomitati in Italia.




Lascia un commento