La bomba umana a Roma: 400 piccoli zingari mai vaccinati

Condividi!

E piano piano, si scopre chi, realmente, non è vaccinato in Italia: zingari e immigrati. Altro che ‘no vax’.

Partito ieri il piano che prevede la vaccinazione di oltre 400 bambini che vivono in quattro campi rom presenti nella Capitale. Il progetto nasce su input del Dipartimento Regionale Salute e Politiche Sociali della Regione Lazio e vede la collaborazione della Asl Roma 1 per i territori di competenza, in particolare i servizi di Accoglienza dei Distretti della Asl, dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, della Comunità di Sant’Egidio e della Cooperativa Osa.

VERIFICA LA NOTIZIA

La prima giornata si è svolta in via del Foro Italico, mentre la seconda, che si terrà il prossimo 23 maggio, sarà nel Camping River che si trova nel XV Municipio. Il 28 sarà la volta di via La Monachina, XIII Municipio, per poi chiudere il 30 con via Cesare Lombroso, XIV Municipio.

Così, in un colpo solo si scopre che in soli 4 campi nomadi esistono 400 piccoli zingari (non parliamo dei genitori) mai vaccinati: una bomba epidemica. Scopriamo che dobbiamo vaccinarli a spese nostre, mentre gli italiani per i loro figli pagano, e che ce ne saranno sicuramente altri.

Ovviamente è improbabile che li vaccinino tutti. Quindi la bomba resta.




Lascia un commento