Milano, Zingari razziano auto in sosta: Comune se ne frega – VIDEO

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Le razzie degli zingari si vedono anche in una foto realizzata un residente, che chiede un rigoroso anonimato per paura di ritorsioni. Abita in viale Troya dal 1971 e si dichiara «un cittadino esasperato da dieci anni». Prima di rivolgersi al giornale locale Il Giorno, ha tentato di risolvere la questione bussando alle porte del Comune: invano.

Ogni tanto si vedono le pattuglie: c’è il fuggi fuggi ma la banda torna puntualmente il giorno dopo al suo posto. Ho suggerito di punire con sanzioni amministrative i cittadini che con la complicità dei rom scaricano abusivamente la loro merce. Basterebbe una telecamera, con l’avviso che la zona è video sorvegliata, per disincentivare gli episodi. Mi hanno riferito che la soluzione è impraticabile per motivi di privacy» confida. L’insicurezza è diffusa: «Nell’ultimo anno mi hanno rubato il borsello mentre scaricavo la spesa dall’auto e in un’altra occasione mi hanno sottratto, fracassando il vetro, il navigatore satellitare e una videocamera». A nulla sono valse la recinzione dell’area e la creazione dei due varchi d’ingresso alla ricicleria, trionfalmente annunciate nel 2014 come soluzione a tutti i problemi: «In realtà i rifiuti invece che sul Ponte delle Milizie adesso me li ritrovo sotto casa mia» dice il residente.




Lascia un commento