Agente massacrato sul treno: sono stati nigeriani, ancora

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
“I gravi episodi delinquenziali che si sono nuovamente verificati in questi ultimi giorni sui treni della tratta ferroviaria Milano-Lecco dimostrano quanto sia urgente e improrogabile un intervento deciso da parte del Ministro dell’Interno su una situazione diventata ormai allarmante”.

ASSALTO AL TRENO: 10 IMMIGRATI PESTANO A SANGUE CONTROLLORE E AGENTE

Così i senatori lecchesi della Lega Paolo Arrigoni e Antonella Faggi, dopo aver depositato venerdì in Senato un’interrogazione che chiedeva al Ministro Minniti quali provvedimenti intendesse adottare per garantire la sicurezza dei cittadini sulle tratte ferroviarie lombarde, tornano sulla questione per commentare gli ultimi fatti di violenza ed in particolare l’aggressione da parte di un gruppo una decina di nigeriani ad un agente di polizia.

Il poliziotto, quarantenne, è ricoverato in gravi condizioni ma non in pericolo di vita; nonostante la furia omicida dei nigeriani non ha perso conoscenza ed è in grado di riconoscerli. Alcuni dei nigeriani erano però rimasti a bordo del treno: alla stazione di Calolziocorte sono saliti numerosi agenti di polizia e dei carabinieri che grazie alle testimonianze ne hanno riconosciuti due e arrestati. Si tratta di due migranti con regolare permesso di soggiorno in Italia.

“Presenteremo – spiegano Arrigoni e Faggi – una nuova interrogazione urgente ribadendo che alla luce degli ultimi preoccupanti avvenimenti, il pestaggio di un 15enne derubato dello smartphone, il furto di un portatile da parte di un gambiano senza fissa dimora e l’aggressione ad un agente della Questura di Lecco intervenuto in difesa di un capotreno accerchiato da un gruppo di extracomunitari, è ormai necessaria una presa di posizione diretta da parte del Ministero”.

“Anche alla luce dell’arresto avvenuto presso la stazione di Calolziocorte di due dei dieci nigeriani coinvolti nell’aggressione all’agente, ci sentiamo di fare un plauso all’ottimo lavoro che Polizia e Carabinieri stanno svolgendo per riportare la sicurezza sui treni e nelle stazioni e ringraziamo il Questore di Lecco Filippo Guglielmino per aver assicurato che i controlli in prossimità delle stazioni verranno rafforzati. Ora però è necessario che la politica faccia sentire la sua voce per non lasciare soli gli uomini e le donne in divisa e per riaffermare la sicurezza dei cittadini. La Lega ribadisce la necessità di garantire il presidio costante delle Forze dell’Ordine e l’espulsione immediata dal nostro territorio dei clandestini e degli stranieri che si macchiano di gravi reati”.

“In proposito – concludono i senatori leghisti – vogliamo esprimere la nostra vicinanza all’agente ferito, augurandogli una pronta guarigione e ringraziandolo per quanto ha fatto con spirito di servizio”.

Ancora nigeriani.




Lascia un commento