Pamela, la frase del nigeriano: “Voi italiani non avete ancora visto niente”

Condividi!

“L’Europa non è il nostro Paese (…). Noi ci siamo calmati perchè siamo in Europa. Noi prima abbiamo già fatto cattiverie, spaccando le bottiglie durante le feste di famiglia addosso alle persone”. Così, intercettato nella cella del carcere di Ancona, lo scorso 14 febbraio il profugo Desmond Lucky si rivolgeva al compagno di cella Awelima Lucky, come lui profugo, e come lui accusato di omicidio volontario per la morte di Pamela Mastropietro, uccisa e fatta a pezzi in un appartamento di Macerata lo scorso 30 gennaio.

VERIFICA LA NOTIZIA

Non bastasse, lo stesso Desmond aggiunge ancora: “Questa è roba da bambini. Loro (i carabinieri? Gli italiani?) ancora non hanno visto niente”.




Lascia un commento