Ungheria non ratifica la dichiarazione euro-africana che riconosce “i benefici dell’immigrazione”

Condividi!

Oggi l’ Ungheria ha rifiutato di ratificare la dichiarazione euro-africana che millanta “i benefici dell’emigrazione in termini di sviluppo” adottata in una conferenza interministeriale tenutasi in Marocco tra una sessantina di paesi d’Europa e d’Africa.

La “Dichiarazione politica di Marrakech” è stata firmata da rappresentanti di 55 paesi (27 europei e 28 africani).

Questo testo “ritrae l’immigrazione come un fenomeno necessariamente positivo (…) che contribuisce allo sviluppo generale, e noi riteniamo che sia un approccio squilibrato e lo disapproviamo”, ha detto il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijarto annunciando la mancanza della ratifica.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’Ungheria respinge “l’attuale approccio internazionale che si concentra su come gestire la migrazione”, mentre il “flusso illegale in Europa” dovrebbe essere fermato, ha ribadito.

Fantastico. In pratica un totale rovesciamento di paradigma, rispetto alla bizzarra vulgata attuale.

La Dichiarazione di Marrakesh richiede la “protezione dei migranti in situazioni vulnerabili” e lo sviluppo di una comunicazione contro “xenofobia, razzismo e discriminazione”. In pratica apre le porte all’invasione e chiede la censura verso chi vi si oppone.




Lascia un commento