Profughi barricati in hotel: dateci di più

Condividi!

Si sono barricati nell’hotel trasformato in centro di accoglienza che li ospita, denunciando condizioni di vita definite ‘inaccettabili’. Inutili i tentativi dei carabinieri intervenuti con più pattuglie di tranquillizzarli, inutili le loro preghiere per convincerli a terminare la protesta.

E’ accaduto ieri mattina a Sant’Angelo a Scala, comune in provincia di Avellino. Dove una ventina di immigrati, quasi tutti del Gambia, si sono barricati nel centro di accoglienza che li ospitava impedendo l’ingresso agli operatori della cooperativa che gestisce la struttura.

Auto sulla folla: Profugo gambiano ha registrato giuramento a Isis in hotel dove noi lo manteniamo

Hanno denunciato poca pulizia delle stanze e un trattamento in generale non adeguato. Perché loro mica possono pulirsi le stanze da soli, sono impegnati a spacciare tutto il giorno. Chiedevano inoltre il trasferimento in altri hotel.

Solo il sindaco è riuscito a tranquillizzare i gambiani in protesta prima che prendessero qualche auto e si lanciassero sulla folla. Dopo diverse ore di tensione la situazione è tornata alla normalità. Normalità si fa per dire: gambiani in hotel a spese nostre.

VERIFICA LA NOTIZIA

Gli operatori del centro sono riusciti a prendere possesso della struttura e hanno avviato un’indagine interna. Non si esclude che nei prossimi giorni possano essere presi provvedimenti nei confronti di chi ha partecipato alla protesta.

Una manfestazione che si aggiunge a quelle registrate nei mesi scorsi anche di fronte alla Prefettura di Avellino. Dove immigrati ospitati nei comuni dell’hinterland erano venuti a chiedere “l’intercessione” del Prefetto, Maria Tirone, pretendendo condizioni migliori e più soldi.




Lascia un commento