Profughi bloccano treni, caos a stazione: rissa con pendolari

Condividi!

Alla stazione di Venafro il treno proveniente da Roma e diretto a Campobasso è stato bloccato dai cosiddetti profughi. Prima hanno tentato di salire sul treno senza biglietto e poi hanno occupato i binari impedendo la ripartenza del treno.

La situazione stava degenerando, infatti i pendolari si sono giustamente spazientiti per il ritardo accumulato dal treno. Non essendo riuscito il capotreno a placare gli animi del gruppetto di migranti, si è ricorso alla chiamata ai Carabinieri intervenuti in forze sul posto.

La protesta è però continuata anche all’arrivo delle forze dell’ordine con il gruppo di immigrati che, sceso dal treno, si è posizionato sui binari impedendone la partenza.
Solo dopo oltre mezz’ora di trattative tutto è tornato alla normalità. Avranno sentito che il Pd rimane al governo.

VERIFICA LA NOTIZIA

Invece di essere arrestati, con totale sprezzo della legge, il gruppo di immigrati ha raggiunto la caserma dei Carabinieri per esigere il trasferimento in altre strutture, più consone al loro status.

Provenienti da ogni parte dell’Africa, i 27 sedicenti profughi sono a Venafro in una struttura ricettiva da un anno ma volevano raggiungere Isernia per protestare contro le «condizioni disumane» in cui, dicono, sono costretti a vivere ormai da diversi mesi. Si sentono, dicono, abbandonati, per di più senza lo stipendio da profughi e con cibo definito scadente.




Lascia un commento