Salvini: “I nostri nonni morti per difendere confini”

Condividi!

“Chiunque voglia venire al governo con la Lega deve impegnarsi a blindare i confini del nostro Paese perchè non deve entrare più nessuno – ha detto Matteo Salvini parlando al mercato di Tolmezzo (Udine) – non ne deve entrare neanche uno”.

“I confini – ha, poi, concluso il leader della Lega – sono quelli per i quali i nostri nonni e i nostri bisnonni hanno lasciato la vita. Torneranno a essere difesi come un paese normale deve fare: entra solo chi ha il permesso di entrare”.

Navi straniere scaricano 1.400 clandestini in Italia

«Centrodestra e 5 Stelle comincino a governare già da questa settimana. I risultati parlano chiaro. In Molise ha vinto il centrodestra nettamente, i 5 Stelle sono arrivati secondi. Smettano di dire io, io, io e mettiamoci a lavorare. Ma a guidare il governo siano i primi arrivati, ma non dico Salvini o morte», accogliendo con enfasi la vittoria in Molise e rilanciando il pressing a Di Maio.

«Auguriamo – continua Salvini – buon lavoro al presidente Mattarella, che ovviamente farà le sue scelte. Sottovoce ci tengo che da Trieste gli arrivi questa indicazione: facciamo veloce, noi le idee ce le abbiamo chiare ed il programma è pronto e se qualcuno scende dal piedistallo e ci mettiamo da domani mattina alla scrivania a lavorare, diamo entro una settimana un governo agli italiani che risponde al loro voto ». E non manca di tirare stoccate al Pd: «Gli italiani hanno le idee chiare, sinistra e Pd cancellate dalla faccia della terra. Io penso che il partito democratico per dignità non possa far parte di nessun governo».

Se il PD andasse al governo, la rivolta sarebbe legittima. E probabile.




Lascia un commento