Pamela poteva essere salvata: Oseghale arrestato per spaccio prima omicidio

Condividi!

Si terranno il 5 maggio i funerali di Pamela Mastropietro, la ragazza uccisa a Macerata lo scorso 30 gennaio e il cui corpo era stato ritrovato a pezzi in un trolley. Lo annunciano i familiari della ragazza. “Avremo finalmente un luogo dove piangerla, dove poterle portare un fiore o recitare una preghiera”. La cerimonia funebre si terrà nella parrocchia di Ognissanti di via Appia Nuova a Roma ed inizieranno alle 11. “Abbiamo scelto il primo sabato del mese dedicato alla Vergine Maria vista la devozione che, per essa, aveva Pamela, oltre a noi tutti”. La salma sarà tumulata nel cimitero capitolino del Verano.

VERIFICA LA NOTIZIA

Intanto si apprende che Pamela poteva essere salvata. Innocent Oseghale, il 29enne nigeriano che l’ha uccisa e fatta a pezzi insieme ad altri profughi, ha ricevuto una nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere, questa volta per spaccio. Il gip di Macerata contesta una serie di episodi avvenuti da ottobre 2017 a gennaio 2018, prima dell’arresto del 31 gennaio per la morte di Pamela. Coinvolti anche Lucky Awelima e Desmond Lucky.

Dovevano essere arrestati prima dell’omicidio e sbattuti in Africa. Non dovevano essere qui.




Lascia un commento