Riti voodoo sul figlio posseduto: immigrati africani a Modena

Condividi!

A soli tre anni era stato sottoposto a un rito voodoo che includeva maltrattamenti fisici, punizioni corporali e soprattutto la totale emarginazione, coi contatti umani minimi vietati persino coi fratellini. E’ la terribile storia di un bambino ghanese residente a Modena, la cui vivacità era stata scambiata – per così dire – per una sorta di possessione demoniaca e i genitori, trentenni all’epoca dei fatti, erano stati convinti della necessità di un doloroso procedimento arcaico per liberarlo da quella possessione. I fatti risalgono al 2015 e aprono uno squarcio di luce su una pericolosissima sottocultura rituale che sopravvive anche in comunità trapiantate in Italia da molto tempo: da quanto emerso durante il processo sembra infatti che i due genitori credessero davvero nella presenza di un demone all’interno del piccolo, consigliati da figure che si potrebbero definire sciamani appartenenti alla loro comunità. Alla fine è arrivata la condanna di madre e padre, a due anni di reclusione – con pena sospesa, perché hanno altri due figli da crescere, uno più grande e uno più piccolo di quello maltrattato. Bambini nei quali, se non altro, i servizi sociali non hanno riscontrato alcuna forma di trauma o violenza pregressa, e che sono tuttora affidati ai genitori a differenza del piccolo oggetto del rito – che oggi ha sei anni, vive in un’altra famiglia e non ha riportato danni permanenti dal punto di vista fisico, anche se un risarcimento per danni psicologici verrà concordato dalle parti a suo favore, in forma privata. La tesi della difesa, in parte accolta, è appunto quella che i veri responsabili per le sevizie subite dal piccolo siano altri, facenti parte di un inimmaginabile contesto culturale che adesso andrà scovato e smontato, magari proprio con la partecipazione attiva dei genitori appena condannati.

VERIFICA LA NOTIZIA

I media la definiscono ‘sottocultura’. Boldrini, invece:

Noi la definiamo ignoranza importata con l’immigrazione. Insieme a crimine e malattie.




Lascia un commento