Profugo rientra tardi e pretende di cenare: sputi in faccia a volontario

Condividi!

E’ rientrato tardi al centro d’accoglienza, un hotel per cosiddetti profughi di Cossato, Biella, ma voleva comunque cenare, anche al di fuori dell’orario. Del resto il cliente ha sempre ragione e quando è ‘abbronzato’ ha doppiamente ragione.

VERIFICA LA NOTIZIA

Così, al rifiuto dell’operatore, che più volte ha spiegato le regole della struttura ricettiva, il nigeriano di 23 anni ha dato in escandescenze, spingendo e sputando in faccia all’addetto che lui, evidentemente, vede come un suo servo. E come dargli torto?

Nonostante l’arrivo dei militari, il giovane ha continuato ad insultare l’operatore. Nessun arresto.




Lascia un commento