Boldrini in visita ai profughi spacciatori di don Biancalani chiede di “sciogliere chi si oppone”

Condividi!

Ieri Boldrini ha fatto visita al protettore, ovviamente inconsapevole, degli spacciatori locali: Don Biancalani, tra le contestazioni di Forza Nuova e CasaPound. La visita era annunciata:

Domani Boldrini in visita ai profughi spacciatori di don Biancalani

“Sono qui per dare sostegno e solidarietà a don Massimo Biancalani, un parroco che sta cercando di risolvere un problema complicato e che dà una risposta vera al problema migratorio e che è stato oggetto come me di aggressioni, campagne denigratorie e diffamatorie”, ha detto.

In realtà, l’unica cosa in cui Biancalani è impegnato, ovviamente inconsapevole, è nell’ampliare la rete di spaccio locale grazie alla sua attività di ‘accoglienza’:

Profughi don Biancalani hanno venduto centinaia di dosi droga davanti a scuole

Boldrini ha parlato in chiesa ringraziando don Biancalani per il suo lavoro. Il parroco ha detto: “Abbiamo bisogno di politici come Laura Boldrini, vicina a chi opera in aiuto degli ultimi, come faccio io seguendo le indicazioni di Papa Francesco”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Boldrini ha rivolto anche le solite parole violente verso chi si oppone alla sua bizzarra visione del mondo: «Sono quattro gatti da sciogliere definitivamente”. Così ha commentato il sit in di Forza Nuova e di Casapound, che ieri hanno manifestato a Pistoia contro i centri di accoglienza dei migranti (spacciatori) e contro la visita dell”ex presidente della Camera alla parrocchia di Vicofaro. «Non ci faremo intimidire – ha aggiunto Boldrini – e la responsabilità di tutto questo deriva dalla legge Bossi-Fini, fatta da un governo di centrodestra di cui scontiamo ancora le conseguenze, perché non si riesce ancora a gestire in maniera compiuta il piano migratorio».

Questa ha sgovernato per cinque anni, riempiendo coi suoi amichetti l’Italia di spacciatori e prostitute spacciati per profughi, e parla.

Casapound aveva allestito un gazebo, striscioni e bandiere mentre i militanti hanno scandito slogan contro chi arriva in Italia chiedendo al Comune di uscire dal programma di accoglienza Sprar. “Siamo qui – ha detto Lorenzo Berti, portavoce di Casapound Pistoia – per ribadire forte e chiaro le nostre proposte in temadi immigrazione, ovvero la chiusura di tutti i centri diaccoglienza del nostro territorio e l’uscita del Comune dal progetto Sprar di accoglienza, per destinare tutte quelle risorse ad oggi investite sull”immigrazione a favore, invece,degli italiani in difficoltà”.

“La cronaca di questi giorni – ha aggiunto – è sotto gli occhi di tutti, ci sono continuamenteepisodi di spaccio da parte di ospiti di centri di accoglienza, non solo quello gestito da don Biancalani, ma anche altri, oltrea risse e vari episodi di degrado e turbativa, che esemplificanobene come l”immigrazione sia un grave problema a livellonazionale e anche per la città di Pistoia”.

In protesta sul viale Adua con bandiere e striscioni anche Forza Nuova che già ieri aveva annunciato un presidio di protesta proprio davanti alla parrocchia.

Ps. Insieme, FN e CP hanno preso quasi gli stessi voti di LeU.




2 pensieri su “Boldrini in visita ai profughi spacciatori di don Biancalani chiede di “sciogliere chi si oppone””

  1. A colui che ha scritto l Articolo sopra vorrei dirgli che, non é l immigrazione in sé da criminalizzare ma é l immigrazione scelta dall Italia che é la feccia della feccia. Prendiamo alcuni dei Paesi Europei con una massiccia immigrazione tipo Germania Svezia Inghilterra ed altri li hanno si una forte immigrazione mussulmana ma c é anche una forte immigrazione di Europei cioé gente della stessa Civiltà tradizioni Religione Cultura, ad esempio in queste Nazioni che ho elencato c é una forte immigrazione Italiana Spagnola Portoghese ex Yugoslave Polacche mentre l Italia si é scelto di prendersi coloro che sono più lontani da noi da rendere impossibile la convivenza, si é scelto il meglio della feccia, siamo l unico Paese che ha un immigrazione quasi esclusivamente mussulmana del centro nord africa medioriente. Sappiamo proprio sceglierci la MERDA e portarcela in casa

  2. mann333, con il dovuto rispetto, non sei bene informato sull’immigrazione in Europa, dovresti usare piu’ virgole e apostrofi, e ti puzza il fiato di merda, con il dovuto rispetto.

    Sono d’accordo con te che la merda e’ importata in Italia a fiumi, a fiumane.

Lascia un commento