Spacciatore nigeriano assalta militari e ottiene Asilo Politico

Condividi!

E’ letteralmente scandaloso e fuori dal mondo che sia stato dato il permesso di soggiorno per motivi umanitari al nigeriano che in questi giorni ha assalito i militari di stanza a Campo Marzo a Vicenza. Se si pensa che questo africano, nel giro di sei mesi, è stato prima arrestato e condannato per spaccio di droga (eroina e cocaina) e poi denunciato per l’aggressione ad una pattuglia di soldati italiani, si capisce purtroppo come l’Italia sia diventata la Repubblica delle Banane dove gli immigrati sono liberi di delinquere, farla franca e ricevere come premio, da parte dello Stato, un bel permesso di soggiorno! Una vera e propria follia che non succede in nessun altro paese del mondo”.

A denunciare è l’europarlamentare vicentina della Lega, Mara Bizzotto, che ha scritto al Ministro dell’Interno “per chiedere la revoca immediata del permesso di soggiorno e l’espulsione di questo extracomunitario”.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Altro che asilo politico e permesso di soggiorno umanitario – continua l’eurodeputata -: questo nigeriano va cacciato dall’Italia in fretta e furia, con le buone o con le cattive. Gli immigrati presunti profughi che vengono nel nostro paese a compiere reati vanno espulsi e riportati nel loro paese d’origine, senza se e senza ma. Immaginate cosa sarebbe successo a questo nigeriano se avesse commesso tali reati in Germania, Austria, Inghilterra, Stati Uniti o Australia?”

SENZA LA PROTEZIONE UMANITARIA I DINIEGHI PER I PERMESSI DI SOGGIORNO PASSEREBBERO DA UNA MEDIA DEL 60% ALL'85% CIRCA….

Posted by PrimaNoi on Saturday, April 21, 2018




Lascia un commento