Negarono accesso al campo ai profughi “infetti”, FIGC li squalifica

Condividi!

Nel gennaio 2017, su richiesta dei genitori dei loro giovani calciatori, avevano giustamente negato ai sedicenti profughi della base di Conetta, “per ragioni di igiene e sanità pubblica” l’accesso al campo di calcio.

Meningite tra i profughi: “Via i migranti dal campo sportivo”, così i genitori

Ieri ai dirigenti del Pegolotte, società veneziana di 3. categoria, il tribunale della Federcalcio ha presentato il conto con una pioggia di squalifiche a 14 dirigenti, per 34 mesi (oltre mille giorni) di divieto a svolgere ogni attività.

VERIFICA LA NOTIZIA

Mano pesante malgrado, nel frattempo, gli accusati finiti nel mirino della Procura Federale (attivatasi d’ufficio dopo il tam tam mediatico) abbiano chinato il capo e concordato «di impegnarsi ad organizzare momenti di confronto con la collettività e i calciatori ospiti del Centro di Accoglienza per l’integrazione».

Una sorta di ‘rieducazione’ alla cinese.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il 18 gennaio 2017 sul cancello del campo sportivo “Don Mario Zanin” apparve la scritta: “Per ragioni d’igiene e sanità pubblica è sospeso l’accesso a questo impianto a tutte le persone accolte nel campo base di Cona”. Un divieto dovuto alle richieste dei genitori dei bambini tesserati nel club neroverde, tra i quali si era diffusa la paura di un contagio in seguito ai molteplici casi di malattie diffusesi nella base.

Oltre alla presenza di spacciatori, violenti e stupratori.

Ma, a quanto pare, i diritti dei bambini italiani vengono dopo quelli dei fancazzisti.

Tubercolosi in centro profughi, autorità tranquillizzano: “Normale, vengono da zone dove è endemica”

EPIDEMIA MENINGITE IN CENTRO PROFUGHI VENEZIA: INFETTI RICOVERATI IN SEGRETO




Lascia un commento