Residenti furiosi: calci e pugni contro portone B&B incendiato

Condividi!

Nuovo episodio di resistenza alla cosiddetta accoglienza di richiedenti asilo a San Lorenzo in Banale, nei confronti del Bed and Breakfast “La casa di Wilma” destinato ad ospitare profughi africani in fuga dalla guerra in Siria.

Popolazione non vuole i profughi, contestato sindaco: ovazione per CasaPound

Dopo l’incendio ad una finestra e l’assemblea cittadina infuocata nella quale i residenti hanno ribadito la loro inascoltata contrarietà, questa volta sono stati dei giovani, in pieno giorno, che arrivati in macchina davanti all’ingresso, si sono messi a tirare calci e pugni alla porta.

VERIFICA LA NOTIZIA

Dopo il gesto hanno inveito contro chi non reagisce apostrofandolo come “democristiano” e dicendo che con l’arrivo dei finti profughi ci saranno problemi di sicurezza in valle. Il che è fuori ombra di dubbio.

La gente non li vuole, e loro li inviano lo stesso. Su mandato di un governo che rappresenta a mala pena il 15 per cento degli italiani. Non lamentatevi, se cittadini furiosi incendiano qualcosa, è l’esito inevitabile della vostra arroganza.




Lascia un commento