Cade accusa omicidio per gli assassini di Piazza San Carlo

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Nuova perla della magistratura italiana. E’ stata modificata l’accusa di omicidio preterintenzionale mossa ai giovani immigrati di seconda generazione arrestati dalla polizia a Torino per quanto accaduto in piazza San Carlo.

Strage di piazza San Carlo: sono stati immigrati con cittadinanza italiana

Dopo l’udienza di convalida, il gip ha convalidato i fermi e ha disposto la custodia cautelare per morte come conseguenza di altro delitto (in relazione all’omicidio colposo). Il capo d’accusa si riferisce alla morte di Erika Pioletti, la giovane donna di Domodossola deceduta per le ferite riportate nella calca che si scatenò il 3 giugno 2017.

‘Nuovo italiano’ festeggiava così strage di Piazza San Carlo

“Il giudice ha accolto le nostre richieste”, commenta eccitato l’avvocato Basilio Foti, che con la collega Emanuela Cullari assiste il criminale Sohaib Bouimadaghen, ventenne fermato dalla polizia nell’inchiesta sul gruppo che la sera del 3 giugno in piazza San Carlo scatenò il panico utilizzando dello spray urticante a scopo di rapina. “Se le lesioni erano state valutate come conseguenze colpose, quindi non volute, anche l’evento morte, in quanto conseguenza di un altro delitto, avrebbe dovuto essere considerato non voluto e non previsto”.

Questi hanno quasi causato una strage, con una donna morta e oltre mille feriti, e se la caverà con un reato minimo tanto che, probabilmente, neanche prenderà una pena che prevede il carcere.




Lascia un commento