Francia e GB, invase da islamici bombardano la Siria

Condividi!

A parte Trump, che ha dovuto dare, come lo scorso anno, il contentino al deep state, quello che fa sorridere amaramente è la partecipazione di Francia e GB al mini-bombardamento di questa notte contro la Siria.

Sono due Paesi letteralmente invasi di musulmani, con interi sobborghi in mano a milizie islamiche che impediscono alle auto della polizia l’ingresso in quelle che sono ormai diventate enclave etniche, ma si ostinano a non comprenderlo. A fingere di non comprenderlo. Perché questo significherebbe un rovesciamento di paradigma che non possono e vogliono accettare.

Hanno la guerra in casa, ormai da anni. Con immigrati di seconda e terza generazione che usano come basi i sobborghi di cui sopra per compiere sanguinosi attacchi terroristici, ma questi ‘pistola fumanti’ bombardano la Siria.

In psicologia si chiama ‘rimozione’. Non vogliono affrontare il problema reale, e ne creano uno immaginario. Ovviamente anche in funzione del tentativo di creare uno scontro con la Russia che giustifichi l’esistenza della NATO e delle spese militari.

Questa è Parigi:

Questa è Londra:

Ma loro bombardano la Siria. E come con le rimozioni dei problemi reali, più tempo passerà, più sarà difficile affrontare il vero problema: perché si ingigantirà mentre loro si occupano di quelli inventati.

La guerra ce l’abbiamo in casa. Gli invasori sono tra noi. Non sono a Damasco.




Lascia un commento