Profughi dilagano in strada, vogliono stipendi arretrati – VIDEO

Condividi!

Un centinaio di extracomunitari ospiti del CAS, centro di accoglienza straordinaria, hanno protestato a Chiaravalle Centrale, Catanzaro, per i ritardi nel pagamento del sussidio giornaliero che il ministero dell’interno assegna ad ogni ospite e per la qualità del cibo offerto dalla struttura. La protesta è stata bloccata solo dopo che, gli “ospiti”, hanno avuto rassicurazione della rapida risoluzione del problema riguardante i ritardi. Le forze dell’ordine, intervenute per mantenere l’ordine pubblico, hanno avuto anche il compito di verificare la qualità del cibo senza però rilevare anomalie o problemi legati alla qualità dello stesso.

VERIFICA LA NOTIZIA

Sulla questione intervengono i dirigenti della sede provinciale di Forza Nuova Catanzaro: “Loro protestano? Dovrebbero essere gli Italiani a protestare non loro? Oggi in Italia viviamo una situazione tragica. I nostri giovani sono senza lavoro, i nostri pensionati sono ridotti alla fame, le piccole e medie imprese chiudono perché soffocate dalle tasse, le giovani coppie non trovano una casa dove vivere perché impossibilitati ad accedere ad un mutuo. Dovrebbero essere gli Italiani a lamentarsi delle condizioni in cui vivono e soprattutto alle ristrettezze a cui i nostri politici li hanno costretti. Sussidio, mensa gratis, alloggi, inserimento lavorativo in cooperative, tutti servizi garantiti agli extracomunitari e pagati con soldi ricavati dalle nostre tasse, e ai nostri concittadini chi pensa? Basta assistenza gratuita e buonismo esasperato e finto, basta politiche anti Italiano, basta sostituzione etnica. Pensiamo al nostro popolo prima che sia troppo tardi. Casa e lavoro prima agli Italiani!”.




Lascia un commento