Francia respinge in Italia anche i presunti minorenni

Condividi!

Dal confine respingono anche i minorenni», è la bizzarra accusa, se così si può definire, della famigerata Asgi – associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione finanziata dallo speculatore Soros – che ha inviato una lettera di denuncia per quanto sta accadendo negli ultimi mesi a Bardonecchia.

VERIFICA LA NOTIZIA

Secondo questa coterie di azzeccagarbugli, la gendarmerie francese starebbe respingendo anche i minorenni. Presunti tali, in realtà.

Sarebbero una ventina quelli rimandati in Italia. L’Asgi ha scritto la lettera alla Commissione europea e alle autorità italiane.

«Siamo molto preoccupati – piagnucola tal Elena Rozzi, una rappresentante di Asgi – , per ora stiamo parlando di un numero esiguo rispetto a quelli di Ventimiglia. A Bardonecchia si contano meno di venti casi. Ma se prima dell’estate la prefettura francese dovesse decidere di applicare delle misure restrittive sulla rotta migratoria in Val di Susa, si creerebbe la stessa e identica situazione di Ventimiglia».

L’accoglienza dei presunti minori è decisamente più costosa rispetto a quella dei maggiorenni. Valgono oltre il doppio: e la pagano i contribuenti italiani.

Asgi è presente a Bardonecchia da dicembre insieme agli operatori di Rainbow4Africa. Perché ovunque c’è degrado, ci sono loro.

Le due Ong hanno creato una base in aiuto dei clandestini vicino alla stazione ferroviaria. Ad oggi sono oltre cinquecento quelli passati per i locali di Rainbow4Africa. Il che spiega perché la gendarmeria francese, davanti alla totale inazione delle autorità italiane, ha sconfinato.

Gli africani non devono stare in Italia o in Francia. Devono stare in Africa.




Lascia un commento