Orban dopo il trionfo: “Ora faremo i conti con Soros e Ong”

Condividi!

Il premier ungherese Viktor Orban, forte del plebiscito ricevuto alle elezioni di domenica scorsa, ha detto che la sua vittoria mostra che il popolo ungherese vuole porre fine alle ingerenze dello speculatore apolide George Soros.

Ad una conferenza stampa per i media internazionali, Orban ha detto che il suo governo ha già messo in campo un pacchetto legislativo “Stop Soros” prima del voto e ora ha ottenuto il mandato diretto degli elettori per convertirlo in legge. Il governo ungherese ha infatti presentato a metà febbraio al parlamento una legge che prende di mira le persone e le organizzazioni non governative considerate ‘promotrici’ di immigrazione.

VERIFICA LA NOTIZIA

Questo progetto di legge è stato battezzato “Stop Soros” e prevede pene, limiti e tassazione al 25% per i finanziamenti che arrivano dall’estero ad organizzazioni non governative. Le attività delle Ong – che se finanziate dall’estero diventano “agenti stranieri” – saranno sottoposte al nulla osta dei tribunale competenti.

E’ prevista poi la creazione di aree di detenzione dei clandestini a otto chilometri dal confine ungherese. “Non continueremo semplicemente quanto fatto dal precedente governo, ma bisogna aspettarsi significativi cambiamenti”, ha detto oggi Orban.




Lascia un commento