ProVita: il manifesto censurato da Raggi dilaga in rete

Condividi!

Dopo la rimozione del manifesto di ProVita contro l’aborto da parte del Campidoglio, su Facebook in molti hanno iniziato a cambiare la loro immagine del profilo con quella del feto di 11 mesi che compariva sul cartellone di 7 metri per 11 affisso regolarmente.

VERIFICA LA NOTIZIA

Una vera e propria campagna social volontaria. Non è da escludere che, conoscendo facebook, quest’ultimo faccia peggio della Raggi. Lo ha già fatto.

Roma: la Vita genera scandalo, rimosso manifesto

«Sono bastate poche ore dall’annuncio che il maxi manifesto di ProVita (affisso legalmente lo scorso 3 aprile) era stato tolto dal Comune di Roma senza fornire spiegazioni, e più di un migliaio di sostenitori della onlus hanno già cambiato la foto del proprio profilo Fb, sostituendola con l’immagine della gigantografia censurata», ha fatto sapere ProVita. «Accogliendo l’invito sul social tantissimi hanno commentato e condiviso il post sulla pagina Facebook di ProVita», ha proseguito l’associazione, il cui post era: «Il Comune di Roma vuole toglierci la libertà di combattere per la vita. Se sei con noi contro questa violenza, cambia per due giorni la tua immagine di profilo, mettendo quella del maxi manifesto di ProVita che ci hanno strappato. Aggiungi #ioerocosì e rispondici con un commento. Saremo in tanti a manifestare, pacificamente, la nostra libertà di espressione. Grazie!».




Lascia un commento