Islamici armati di coltelli bloccati: stavano per colpire maratona Berlino

Condividi!

Come sapete, ieri, nel giorno dell’anniversario dell’attacco islamico a Stoccolma, uno ‘psicolabile’ con cittadinanza tedesca ha investito passanti nella cittadina di Muenster, vicino Berlino.

E oggi la polizia tedesca ha sventato un attentato alla mezza maratona che si stava svolgendo Berlino, fermando 4 6 islamici accusati di pianificare un attacco con coltelli.

VERIFICA LA NOTIZIA

Lo riferisce il sito di Welt.

Le persone arrestate sono legate agli ambienti di Anis Amri, l’autore della strage ai mercatini di Natale di Breitscheidplatz del dicembre 2016. Secondo il giornale tedesco, erano pronti a vendicare proprio il killer di Berlino, ucciso dalla polizia italiana, tre giorni dopo l’attentato, a Milano. In uno dei loro appartamenti perquisiti dagli agenti, i cani addestrati hanno trovato degli esplosivi nel seminterrato. Quella casa nella parte occidentale della capitale era già stata perquisita anche due anni fa, proprio dopo l’attacco che aveva ucciso 12 persone.

Terrorismo islamico, rete del profugo terrorista Amri stava per colpire

Uno dei quattro uomini fermati dalla polizia era tenuto sotto sorveglianza dalla polizia ormai da diverso tempo. Secondo quanto riferisce la polizia, era in possesso di due coltelli affilati con cui avrebbe dovuto compiere l’attentato, colpendo i corridori e gli spettatori durante la Mezza Maratona: nella capitale c’erano circa 32mila partecipanti alla gara. Secondo fonti di sicurezza, l’uomo voleva così vendicare la morte del suo confidente Amri. Un alto dirigente della polizia ha detto a Die Welt che “sono ancora in corso le valutazioni, ma probabilmente a breve” sarebbero stati utilizzati anche gli ordigni.

Rete Amri era riferimento per immigrati tunisini in Italia




Lascia un commento