Deputato teme svolta islamica in Belgio: “Mettere al bando partito Islam”

Condividi!

Il deputato belga Richard Miller (Movimento riformista, liberale) vuole la messa al bando del partito islamico ‘Islam’, dopo la diffusione del programma elettorale della formazione islamica.

Arriva il partito ‘Islam’: vuole bus separati per uomini e donne

Ha detto che teme una svolta islamica nelle prossime elezioni comunali, che vedrà il partito apparire in 28 comuni a Bruxelles e in Vallonia.

Redouane Ahrouch, uno dei co-fondatori dell’Islam, ha ricordato questa settimana che il suo partito lavora per l’istituzione di uno Stato islamico in Belgio e l’insediamento della sharia sul suo territorio. Parole che Miller descrive come “inaccettabili”.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Questo progetto va contro i nostri diritti e le nostre libertà costituzionali”, afferma Miller. Il deputato ricorda di aver votato nel 2012 per il bando di questo partito, che viola la costituzione belga e i diritti dei cittadini.

Il parlamentare non esclude che altre formazioni “con tendenze etniche” siano tentate di formare maggioranze insieme al partito ‘Islam’.

Un gruppo di lavoro parlamentare, al quale partecipa Miller, ha già esaminato la questione, ma il suo lavoro è stato interrotto dopo gli attacchi islamici di Bruxelles.

Partito Islamico euforico: “Con Ius Soli entriamo in Parlamento”

Come abbiamo già scritto, la democrazia non sopravvive alla società multietnica. Nel caso dei musulmani, poi, ancora meno. Ricordiamo che in Egitto la maggioranza ha votato i Fratelli Musulmani, ed è servito un colpo di Stato e l’instaurazione di una dittatura per toglierli dal governo. Vogliamo questo? Non è meglio impedire che i musulmani acquisiscono le nostre cittadinanze ed avviare un rimpatrio di massa?




Lascia un commento