Calci e pugni a carabiniere, ‘nuovo italiano’ non andrà in carcere: ‘condannato’ a volontariato

Condividi!

Ha rapinato e poi picchiato un carabiniere. Ma siccome è un immigrato niente carcere, è stato condannato, si fa per dire, a svolgere volontariato.

È la ‘pena’ inflitta a un 19enne marocchino con cittadinanza italiana – si moltiplicano i casi di ‘nuovi italiani’ che commettono reati – che nell’ottobre scorso, durante un furto, aggredì i carabinieri, finendo accusato di rapina impropria assieme a un 17enne (quest’ultimo ha seguito un altro iter giuridico al Tribunale dei minori).

VERIFICA LA NOTIZIA

Ieri l’avvocato difensore Mario Di Frenna, d’accordo con il pm Giacomo Forte, ha patteggiato due anni e il ‘volontariato’. E quindi niente carcere, perché con la svuotacarceri PD non bastano due anni per finire dentro.

Vista la giovane età dell’imputato, è stata ritenuta la scelta più educativa. In Francia e GB fanno da anni lo stesso errore con i figli degli immigrati. Pensano di ‘educarli’.

Il 19enne non andrà in carcere, ma dovrà svolgere volontariato a servizio degli altri. Un’altra particolarità è che i due carabinieri si sono costituiti parte civile tramite l’avvocato Paolo Bertozzi: tuttavia nel patteggiamento le parti civili sono escluse dalla provvisionale e per avere un risarcimento dovranno proseguire in sede civile.

La vicenda si è svolta il 28 ottobre 2017, un sabato, quando i carabinieri di Sant’Ilario erano intervenuti a Calerno per il furto di una bicicletta. La derubata era riuscita a raggiungere i ladri, che avevano abbandonato quella bici e proseguito la fuga con un’altra bicicletta rubata. Grazie alla descrizione della donna, i carabinieri avevano raggiunto due ragazzi di 19 e 17 anni che, abbandonata anche la seconda bici, avevano proseguito la fuga a piedi fino al cortile di una casa. Qui raggiunti un’altra volta, i giovani avevano aggredito con calci e pugni i militari.
Finiti in caserma grazie all’arrivo dei colleghi del Radiomobile di Reggio, i due erano stati trovati in possesso di merce rubata in un negozio di Parma: abbigliamento, auricolari, orecchini e profumi, per un valore di 300 euro.

In sede di udienza di convalida, il 19enne aveva chiesto scusa e si era giustificato affermando che mentre lo ammanettavano gli avevano fatto male ad una mano appena operata. Poverino, gli hanno fatto male.




Lascia un commento