Trento: richiedenti asilo gratis su treni e bus, pagano contribuenti

Condividi!

In Trentino sono state emesse oltre 2.100 le tessere per richiedenti asilo o protezione internazionale, di cui circa 1.500 attualmente valide. Significa che ci sono 1.500 finti profughi che viaggiano gratis sui mezzi a spese dei contribuenti. Solo nella provincia di Treno. Esclusi quelli che lo fanno senza tessera, ovviamente.

I dati sono stati resi noti dall’assessore Gilmozzi in risposta ad un’interrogazione (5322) di Maurizio Fugatti, Lega.

Le tessere gratuite sono rigorosamente nominative, munite di fotografia secondo incrocio anagrafico con documenti “validati” dalla Questura.

VERIFICA LA NOTIZIA

La durata è di 6 mesi e, sono rinnovate solo su nota scritta di Cinformi circa la prosecuzione del progetto di accoglienza.

Per quanto riguarda le aggressioni fisiche e vocali ai capitreno Gilmozzi ha spiegato che in via generale, nelle ultime settimane si è avuta una riduzione del fenomeno rispetto alla “punta” di agosto. Festeggiamo.




Un pensiero su “Trento: richiedenti asilo gratis su treni e bus, pagano contribuenti”

Lascia un commento