Islamico Trieste: 1/4 dei terroristi sono adolescenti

Condividi!

Il caso del terrorista islamico di seconda generazione di Trieste, ci ricorda che gli adolescenti contano per circa un quarto di tutti gli attentati islamici commessi o tentati in Europa dal 2014, con un allarmante slancio nel coinvolgimento degli adolescenti registrato nel corso dell’anno scorso, secondo una relazione pubblicata martedì scorso.

VERIFICA LA NOTIZIA

Nei primi cinque mesi del 2017, gli adolescenti hanno partecipato a otto dei 30 piani jihadisti documentati, il 27 per cento – un aumento sostanziale rispetto al 2014 e al 2015 quando sono stati coinvolti in ‘soli’ cinque attentati in un periodo di due anni.

Mentre nel 2016 il 37 per cento degli attentati ha coinvolto adolescenti. Ovviamente, tutti hanno la cittadinanza, perché nei loro paesi di residenza vige lo ius soli.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Questa è una tecnologia molto familiare ai giovani”, ha dichiarato Simcox al Washington Beacon. “Queste applicazioni online hanno fatto qualcosa che sembrava una prospettiva così sconvolgente in passato, cioè adolescenti che dovevano lasciare la loro casa e viaggiare in Pakistan, in Afghanistan, in Yemen o in Iraq, dove non hanno improvvisamente dovuto fare il viaggio . Possono facilmente contattare gli operatori terroristici semplicemente cliccando un pulsante “.
L’ex reclutatore ISIS, Rasheed Kassim, ucciso in un attacco aereo a febbraio, è stata una figura chiave negli sforzi di propaganda del gruppo terroristico attraverso il suo utilizzo di mezzi di comunicazione sociale per attirare i giovani islamici “francesi”. L’anno scorso, nove dei 12 attacchi terroristici che in Francia hanno coinvolto adolescenti erano collegati a Kassim.

«Come faccio a portare una cintura esplosiva a scuola?»

Il resoconto ha rilevato tra il gennaio 2014 e il maggio 2017 ben 142 attacchi o tentativi di attacco islamici, uno ogni otto giorni. Il più sanguinoso quello che ha visto 130 persone morire in un attacco coordinato a Parigi nel novembre del 2015.

Terrorista Trieste non sarà arrestato, affidato a Imam

E poi c’è Mohammed, che a Trieste voleva uccidere i suoi compagni di classe e che ora, invece che in carcere, finirà a scuola di islam con un imam.




Lascia un commento