Sei algerini stuprano turista ubriaca in hotel

Condividi!

Il brutale stupro è avvenuto lo scorso lunedì notte. Una turista irlandese, un’insegnante, era a Praga con amici. Dopo aver soggiornato in un hotel del centro sono andati in discoteca.

VERIFICA LA NOTIZIA

Lì, Irka ha conosciuto due giovani algerini ed è uscita con loro completamente intossicata. Tanto da accettare l’invito di un algerino di 22 anni a seguirlo nella sua stanza.

Quando ha iniziato a riprendersi era troppo tardi. L’algerino la voleva. Lei ha tentato la fuga, lui è diventato sempre più brutale, fino ad uscire e tornare con cinque suoi amici.

E poi è iniziato il brutale stupro. Immagina: vieni da un Paese dove le donne girano velate, e poi vieni qui e ne incontri una che ti segue in hotel. Lo stupro è garantito. E’ l’esito del mix esplosivo tra femminismo e immigrazione. Donne ‘liberate’ che incontrano ‘maschi’ repressi: l’ideale.

Il giovane e i suoi cinque amici erano arrivati a Praga in autobus da Amsterdam il 31 marzo. Europa senza frontiere.

Cinque di loro sono studenti provenienti da famiglie algerine benestanti, solo il principale sospettato, l’uomo che ha riportato l’irlandese nella sua suite, lavora in un aeroporto di Parigi.

Cosa c’è di male, a fare lavorare un algerino in un aeroporto di Parigi?

I sei stupratori, di età compresa tra i 19 e i 23 anni, rischiano fino a 10 anni di carcere.

Purtroppo il taglio delle palle non è previsto.




Lascia un commento