Facebook ammette: “Spiamo conversazioni private”

Condividi!

Se pensavate fosse uno scandalo la questione dei dati raccolti – cosa risaputa da tutti – cosa penserete dell’ultima ammissione di Zuckerberg.

Il fanciullo non è molto intelligente, altrimenti non avrebbe concepito per errore una cosa come facebook.

VERIFICA LA NOTIZIA

La dimostrazione è l’avere rivelato tra le righe di spiare gli utenti nei loro messaggi privati! Ripetiamo, non condivisioni pubbliche, ma messaggi privati tra gli utenti.

Facebook analizza i link e le immagini che le persone si scambiano su Facebook Messenger e legge le chat assicurandosi che il contenuto rispetti le regole della multinazionale. In caso contrario, viene bloccato o rimosso.

Significa che spia conversazioni private. E’ come se aprisse la posta dei cittadini. Altro che ‘datagate’. Ci chiediamo perché nessuno intervenga su questo gravissimo e stavolta reale scandalo.

Perché tutti sanno che facebook raccoglie i dati sugli utenti in base ai loro comportamenti, ma nessuno, almeno ufficialmente, riteneva spiasse le conversazioni private.




Lascia un commento