Clandestina incinta rifiuta identificazione, trascinata giù da treno – VIDEO

Condividi!

Accade un paio di mesi fa a Mentone, città italiana sotto controllo francese. Una coppia di clandestini non vuole scendere dal treno. Non vuole nemmeno mostrare i documenti ai gendarmi, che non hanno altra scelta di trascinarli giù, visto che fanno resistenza. Ma la donna è incinta, o almeno così afferma: e allora i radical chic francesi (e italiani) si indignano. Come se l’essere incinta fosse una sorta di lasciapassare, ti rendesse libera di violare la legge e le frontiere altrui.

Des CRS s'en sont violemment pris à un couple et à ses enfants lors d'un contrôle au faciès le 16 février en gare de Menton. La femme, enceinte, a fait un malaise et à été traînée sur le quai après que les CRS ont tenté de prendre leurs enfants pour les faire sortir du train

Posted by Martin Eden on Tuesday, March 27, 2018

Ovviamente è stata rispedita a Ventimiglia. Perché le frontiere sono una cosa seria, tranne quando a governare è il PD.

La stazione in cui la coppia di clandestini è stata bloccata è a un solo chilometro dalla frontiera italiana e i fatti sarebbero accaduti a febbraio o gennaio scorso, le fonti non concordano, su un convoglio diretto verso l’interno della Francia: secondo i tre giovani radical chic che hanno diffuso il video, Gaspard Flamand, Ulysse Goldman e Philémon Stines, erano gli unici di colore sul treno ed è stata l’unica coppia ad essere controllata.

Chissà come mai, è pieno di svedesi e italiani che entrano clandestinamente in Francia.




Lascia un commento