Islamico schianta auto contro il Santuario: «L’ho fatto per Allah»

Condividi!

“L’ho fatto per potermi avvicinare ad Allah”. Così Othman Jridi, algerino 22enne, dopo essersi lanciato con l’auto contro le fioriere di cemento a protezione del Santuario di Pompei. Strage sfiorata.

Otman è clandestino, espulso dal questore di Cagliari dopo essere stato già cacciato dalla Francia. Uno dei tanti espulsi sulla carta e poi liberati sul territorio.

Ufficiale: Profughi assunti negli Scavi di Pompei al posto Italiani

Othman Jridi è già stato processato con il rito abbreviato. A fronte di una richiesta di quattro anni e un mese da parte del pm, il clandestino islamico è stato condannato ad appena due anni e mezzo. Per una tentata strage.

VERIFICA LA NOTIZIA

Nel disporre gli arresti in carcere, il giudice monocratico di Torre Annunziata, Fernanda Iannone, ha tenuto conto dell'”estrema pericolosità” del gesto. Durante l’udienza di convalida, ha detto di essersi lanciato a tutta velocità contro la folla “per sentirsi più vicino ad Allah” e poi si è messo a recitare una litania araba in nome di Allah. Per la Iannone, poi, c’è “il concreto ed attuale pericolo che l’imputato commetta altri” attacchi terroristici simili a quello compiuto alla santuario di Pompei.

Spetterà adesso all’Antiterrorismo capire se l’algerino abbia realmente collegamenti con l’Isis, se sia stato mosso da insani propositi in base a personali convincimenti, o se più semplicemente, abbia di proposito calcato la mano, per mandare nel panico giudice, pm e forze dell’ordine. Il 22enne è attualmente in carcere. Resta tuttavia il ‘nodo’ dei controlli: l’algerino era destinatario di un provvedimento di espulsione datato ottobre 2016, ma nonostante questo si trovava ancora in Italia.

Sono tra noi.




Lascia un commento