Arrestato terrorista Isis a Foggia: è un ‘nuovo italiano’

Condividi!

Arrestato un egiziano con cittadinanza italiana, di 58 anni, sposato con una ***** italiana: è membro Isis. Perquisita la sede dell’associazione culturale (moschea abusiva) “Al Dawa” della città pugliese, di cui l’uomo era il presidente. Sequestrati i conti correnti per un valore di circa 370mila euro.

La dimostrazione che l’attuale legge sulla cittadinanza è da riformare in senso restrittivo. Molto restrittivo.

L’uomo teneva lezioni di religione ai bambini del centro culturale islamico di Foggia (una vera e propria madrassa).

In totale sono state tre le perquisizioni, personali e domiciliari, eseguite all’alba dalla polizia. Il Gigo della Gdf ha proceduto al sequestro preventivo urgente della sede dell’associazione e dei conti correnti del cittadino egiziano.

“L’arresto di oggi – sottolineano le fiamme gialle – è frutto anche del protocollo d’intesa, stipulato nell’ottobre 2017 tra la guardia di finanza e la Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo, che ha innovato il sistema di prevenzione antiriciclaggio e di contrasto al finanziamento del terrorismo, attraverso un nuovo flusso di comunicazioni tendente a far convergere nei procedimenti penali, le operazioni finanziarie collegate a soggetti sospettati di legami con il terrorismo internazionale”.

Migliaia di euro frutto di donazioni – E questi mirati accertamenti svolti dalle fiamme gialle baresi, sono scaturiti da una segnalazione di operazioni sospette a carico del 59enne egiziano e della moglie Vincenza, 79enne italiana, che hanno rivelato in capo ad Abdel Rahman una disponibilità economica sproporzionata rispetto ai redditi dichiarati, nel periodo dal 2011 al 2017. L`ipotesi degli investigatori è che l’Imam possa essersi procurato le disponibilità attraverso la cosiddetta zakat, una sorta di raccolta fondi, che l’egiziano faceva tra i soggetti di fede islamica che frequentavano il centro culturale Al Dawa.

VERIFICA LA NOTIZIA

Sono tra noi. E’ un problema demografico, non di ordine pubblico. Urge una soluzione demografica.




Lascia un commento