Profugo non ha avuto pietà: “Dopo lo stupro l’ha affogata”

Condividi!

Condannato all’ergastolo Hussein Khavari, il profugo afghano che nel 2016 ha stuprato e poi ucciso una studentessa a Friburgo, in Germania.

Il tribunale ha applicato la massima pena sulla base del fatto che il giovane è stato riconosciuto come l’unico autore della morte della 19enne.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il difensore dell’imputato – pagato dai contribuenti – ha annunciato che presenterà ricorso contro la sentenza, chiedendo che venga presa in considerazione come attenuante il fatto che il suo assistito era sotto l’effetto di droghe al momento dell’aggressione. Come se fosse una attenuante.

Profugo stupratore a processo, si finse minorenne

La vittima, Maria Ladenburger, è stata affogata in acque poco profonde sulle rive del fiume Dreisam.

“Sapeva che era ancora viva quando l’ha messa in acqua e che sarebbe annegata,. Voleva che annegasse”, ha detto il giudice Kathrin Schenk leggendo la sentenza.

Maria era figlia di un funzionario UE che con il suo esempio l’aveva spinta a fare da volontaria per l’accoglienza.

VOLONTARIA STUPRATA E AFFOGATA DA PROFUGO MINORENNE AFGHANO

Prima di arrivare in Germania, il profugo aveva già stuprato un ragazzina in Grecia e, chissà, quante altre lungo il tragitto verso nord:

IL PROFUGO STUPRA SEMPRE 2 VOLTE: VIOLENTATA E LANCIATA DA SCOGLIERA

UCCISA DA PROFUGO: GENITORI USANO FUNERALE PER RACCOLTA FONDI A FAVORE PROFUGHI




Un pensiero su “Profugo non ha avuto pietà: “Dopo lo stupro l’ha affogata””

Lascia un commento