Cittadino svedese chiede ‘asilo’ in Africa: “E’ più sicura, qui è guerra in strada”

Condividi!

La situazione in Svezia è totalmente fuori controllo. Il rapper africano con cittadinanza svedese Ken Ring prevede per la Svezia una guerra civile entro i prossimi 20 anni e per questo, ha annunciato, sta progettando di trasferirsi in Africa, che ritiene un posto più sicuro.

Ring lo ha detto al programma televisivo norvegese Trygdekontoret, trasmesso dall’emittente norvegese di proprietà del governo NRK venerdì sera. Ring, che è cresciuto nel sobborgo di Hässelby a Stoccolma, ha detto che l’area era relativamente calma durante la sua infanzia, ma recentemente ha visto una drammatica escalation di violenza. Il che coincide con l’ondata migratoria: finché i migranti non europei sono pochi, tendono a ‘integrarsi’, quando superano un numero critico, trasformano i quartieri nei luoghi dai quali sono fuggiti. Perché la qualità di un posto la fa chi ci abita, non la latitudine.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Oggi c’è una guerra di bande aperte. Mio fratello maggiore è stato ucciso “, ha detto Ring al programma. Ha detto che il crimine organizzato violento e l’aumento del traffico di droga hanno radicalmente trasformato l’area.

Il musicista ha detto che i livelli di immigrazione sono esplosi nel sobborgo dicendo che l’area ha accolto il maggior numero possibile di immigranti e che i crescenti conflitti tra migranti e abitanti del posto hanno destrutturato la società locale.

I giornalisti, secondo Ring, visitano raramente i sobborghi della zona no-go intorno a Stoccolma. “Non si presentano a Rinkeby, Hässelby o Fittja”, ha detto.

Svedese chiede ‘asilo’ in Ungheria: “Svezia fuori controllo, troppi immigrati violenti” – VIDEO

Alla domanda sul perché si dovrebbe trasferire in Africa, Ring ha detto: “È più sicuro lì. Mio figlio ha nove anni e mi ha detto, ‘Papà, perché è più pericoloso Hässelby che Nairobi, in Kenya?’ ”

“Penso che sia troppo tardi – non è possibile cambiare”, ha detto e ha aggiunto: “Entro 20 anni avremo una guerra aperta per le strade di Stoccolma”.




Lascia un commento