Questo grafico spiega perché Gheddafi doveva morire

Condividi!

Dopo l’accordo con Gheddafi, gli sbarchi avevano subito un tracollo, e si erano ridotti praticamente a zero nel 2010. Chi aveva e ha ancora in progetto la destrutturazione etnica dell’Europa, per motivi che superano anche gli interessi economici e sfociano in una vendetta storica, non poteva tollerarlo. Gheddafi doveva essere rimosso. Perché il traffico riprendesse.

Sarkozy: Gheddafi doveva morire – VIDEO

E poi c’era il desiderio di Sarkozy di impedire che le tangenti ricevute dal leader libico venissero alla luce. Quindi non bastava rimuoverlo: Gheddafi doveva morire.

Così sulla sua fine si sono incrociati interessi di vario titolo e provenienza. E si sono saldati nell’attacco alla Libia.

E allora nel 2011 salta il tappo libico e inizia l’ondata di clandestini che, istantaneamente, il complesso mediatico di fake news ha iniziato a definire profughi: benché non sbarcasse nemmeno 1 libico, ma tutti subsahariani che accorrevano come frotte in Libia da sud, per approfittare del vuoto di potere. Anche qui: la velocità con la quale il traffico è iniziato, fa pensare ad una organizzazione preventiva.

Sarkozy c’è costato 1 milione di clandestini per coprire le sue tangenti da Gheddafi

Era tutto pronto. Erano pronti i trafficanti libici a traghettare i clandestini. Erano pronti quelli africani a portarli in Libia. Erano pronti i giornalisti a definire profughi i clandestini, spostando in Libia il Canale di Sicilia. Ed erano pronte le navi delle Ong.

Sarebbe interessante sapere se Sarkozy è l’unico politico coinvolto nella preparazione della guerra in Libia ad avere ricevuto tangenti da Gheddafi. In Italia si attivò in maniera decisiva Napolitano, imponendo ad un Berlusconi indebolito dalle sue ‘cene eleganti’ fino a fare cadere l’ultimo governo eletto.

Probabilmente non sapremo mai tutta la verità. Ma il risultato è sotto gli occhi di tutti:




Lascia un commento