Studio: i più intolleranti sui social sono i sinistardi

Condividi!

Si sentono investiti di un sacro dovere: quello di silenziare chiunque non la pensi come loro. E’ un tratto psichiatrico prima ancora che politico e nasconde una profonda debolezza di fondo: sanno che le loro idee sono perdenti, per questo sono costretti a tentare di censurare gli altri.

Nessuno di noi si sognerebbe di segnalare giornali e giornaletti della cosiddetta sinistra, ‘loro’ invece creano addirittura siti internet e gruppi su facebook per segnalare alla ‘maestra’ idee che li turbano. Sono bambini. Bambini stupidi.

Lo conferma uno studio americano che possiamo tranquillamente traslare in Italia:

VERIFICA LA NOTIZIA
Del resto non è un fenomeno solo digitale. Basti vedere cosa accade nelle piazze. Nessuno di noi si sognerebbe di andare a contestare o – come fanno loro – usare la violenza, per impedire le piazzate sinistarde. Loro invece tentano ogni volta di impedire l’espressione dei nemici politici. Deboli.




Lascia un commento