Rivolta contro annessione francese del mare italiano

Condividi!

“Giù le mani dai confini delle acque internazionali al largo della Sardegna”. Lo urlano a gran voce i pescatori sardi con l’ex deputato e leader di Unidos, Mauro Pili, che denunciano “il piano strategico della Francia di annettere le porzioni più pescose delle acque internazionali davanti alla Sardegna”.

Francia annette mare italiano, governo inerte

Secondo Pili, quell’atto “è unilaterale, illegittimo e maldestro e va respinto senza se e senza ma”. Partita da Santa Teresa di Gallura, la delegazione di pescatori del Nord Sardegna, capeggiata dal politico di Iglesias e dai rappresentanti delle marinerie locali, ha firmato al largo un documento con sui si oppongono a quello che è stato definito lo “scippo francese”, intervenendo ufficialmente nella procedura anche in vista di eventuali ricorsi alla giustizia europea.

“Quella procedura dà per acquisito un accordo internazionale di tre anni fa, che l’Italia non ha mai ratificato e, dunque, è pari a carta straccia”, dice Pili.

Tranquilli, sta arrivando Salvini.




Lascia un commento