Milano, il palazzo dei clandestini dove si affitta casa ai jihadisti – VIDEO

Condividi!

A Milano ci sono appartamenti dati a CLANDESTINI, spacciatori, prostitute. Con 1000 euro persino un jihadista ottiene una casa in cui nascondersi.

Posted by Lucia Borgonzoni on Wednesday, March 14, 2018

Del resto  i centri sociali gestiscono un ristorante per immigrati, senza alcun permesso igienico-sanitario né tantomeno fiscale.

Per cena si può scegliere tra due primi e due secondi. Pasta al ragù o pasta e fagioli, polpette al sugo o frittata con patate. Il prezzo? Dieci euro.

Il ristorante abusivo negli ex bagni pubblici di via Esterle 15, occupati abusivamente lo scorso febbraio da decine di fancazzisti spacciati per profughi sotto la regia della rete di delinquenti “Noi ci siamo”.

Un centro d’accoglienza autogestito, i compagni fanno business in un edificio comunale grazie al servizio cucina riservato ai migranti. Un ristorante di lusso visti i prezzi, ma senza alcun permesso igienico-sanitario né tantomeno fiscale.

Bombole del gas appoggiate a terra. Senza alcun controllo. Un cartello che indica la “cassa”. Nello stesso corridoio tre stanze, tutte occupate da giovani maschi africani in fuga dalla guerra in Siria che girano con le ciabatte ai piedi e lo smartphone in mano. E che, conoscendo i frequentatori dei centri sociali, pagheranno in natura

«Non abbiamo bisogno d’aiuto, andate via. Per entrare qui dentro dovete chiedere al responsabile. Lì c’è il suo numero». Su un foglio attaccato alla parete c’è il nominativo di Carlo. Lo chiamiamo. «Questi migranti sono qui perché non hanno spazio nei centri d’accoglienza», taglia corto senza dare spiegazioni. Poco importa che tutto sia illegale. Comprese le cene. «Non è vero, non c’è nessun cartello coi prezzi», prova a difendersi.

In fondo, all’interno di un’enorme stanza, ci sono altre due persone che dormono, avvolte nelle coperte. Attorno, decine di letti d’ospedale accatastati, materassi, ma anche televisori, radio e stampanti. Tutto molto probabilmente rubato.

«Alle attività come la mia fanno mille controlli, perché invece loro possono occupare e fare servizio ristorante senza alcun permesso? La situazione è sotto gli occhi di tutti. E qui siamo costretti a vivere con la paura. Tanti miei clienti anziani sono stati aggrediti e scippati per strada», spiega Luigi Sardella, presidente della bocciofila Caccialanza di via Padova, proprio di fronte all’imbocco di via Esterle. Chi abita da queste parli non si sente per niente sicuro. «Occupare è un reato. All’interno di questo edificio non sappiamo chi entra né chi ci vive. E nel giardinetto qui affianco abbiamo trovato anche delle siringhe usate. Le istituzioni dove sono? Il sindaco Sala parla di periferie, ma qui non ci è mai venuto», protesta un signore.

VERIFICA LA NOTIZIA

«La situazione è vergognosa: un immobile comunale che potrebbe essere destinato a importanti servizi del territorio viene scandalosamente lasciato a centri sociali che sfruttano gli immigrati clandestini per i loro messaggi politici e forse anche economicamente, come sembra risultare da alcuni prezzari su pranzi e cene nello stabile. Invece di offrire servizi per la comunità si alimentano affari nell’illegalità”, attacca Silvia Sardone, consigliera comunale di Forza Italia. Dello stesso avviso Otello Ruggeri, coordinatore azzurro nel Municipio 2: «Evidentemente manca la volontà politica di restituire ai milanesi un bene che è di tutti loro e gli è stato sottratto». A sinistra la cassa e i fornelli dentro il palazzo occupato di via Esterle; sopra un immigrato dentro la zona «scuola»; sotto il portoncino di ingresso dell’edifcio occupato abusivamente da stranieri e antagonisti.




Lascia un commento