Albanesi, 31 colpi in 1 mese: “Venite a rubare in Italia, se ti prendono 24 ore e torni libero”

Condividi!

“Qui, se ti prendono, ti fai 24 ore in cella e torni libero”. Non è il primocapo di una banda di ladri stranieri – in questo caso albanesi – che convince i suoi a trasferirsi in Italia per delinquere. Nel caso degli albanesi, poi, nulla di più facile: i governi precedenti hanno abolito il visto. Geniale.

I carabinieri di Cassano d’Adda hanno arestato i cinque albanesi componenti della banda con l’accusa di “associazione per delinquere finalizzata alla commissione di reati contro il patrimonio e di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio”. Si tratta di ragazzi tra i 20 e i 26 anni, che sono ritenuti responsabili di 14 furti in abitazione, 15 nei distributori di benzina e 2 rapine in appartamenti. Secondo le ricostruzioni dei carabinieri, i cinque sarebbero arrivati nel milanese e avrebbero commesso il primo colpo il 12 gennaio in un distributore di benzina a Cernusco sul Naviglio: due blitz al giorno tra Milano, Lodi, Brescia, Bergamo e Monza.

Il capo, 26enne, si occupava di portare gli uomini dall’Albania in Italia e di organizzare i colpi, poi vi era un autista di 24 anni e uno scassinatore giovanissimo e abilissimo a forzare le colonnine delle stazioni di benzina e le porte d’ingresso degli appartamenti. In un solo mese hanno portato a termine 31 colpi e sono riusciti a rubare più di 200mila euro in contanti, oltre alle refurtive trafugate negli appartamenti visitati. Ogni settimana spedivano i soldi in Albania: migranti.

VERIFICA LA NOTIZIA

Proprio in quei giorni il capo aveva fatto arrivare altri due albanesi, tanto il visto non serve. Lo stesso capo, intercettato dalla polizia, si vantava con “l’autista” e lo “scassinatore” di “avere la fila di persone che vogliono venire”.

I malviventi si svegliavano tardi, facevano colazione in un bar di Pioltello e, poi, nel pomeriggio rubavano dalle case e la notte dai benzinai. Ma lo facevano, ovviamente, per pagarci le pensioni.

Il sostituto procuratore David Monti ha spiegato: “Sono venuti dall’Albania, dovevano stare pochi mesi per razziare il territorio e tornare Il loro obiettivo ultimo, la loro ambizione, era fare la bella vita in Albania con i soldi rubati in Italia” perché tanto in Italia “ti fai 24 ore in cella ed esci”. I ladri, al momento, si trovano tutti nel carcere di San Vittore. Ma per quanto?




Un pensiero su “Albanesi, 31 colpi in 1 mese: “Venite a rubare in Italia, se ti prendono 24 ore e torni libero””

Lascia un commento